Questo sito rilascia cookies tecnici per consentirne il funzionamento, oltre a cookies, anche di terza parte, di 'analytics' per fare statistiche sul traffico ed attivare il miglioramento. Cliccando su "Conferma Scelte", acconsenti all’uso dei cookies qui sotto proposti o da te selezionati. Cliccando su "Accetta tutti i cookies" li abiliti tutti. Per saperne di più

Presentazione del libro "Là dove inizia l'orizzonte"

 
 
 
 
"Nessuna donna dovrebbe mai vivere quello che hai vissuto tu, nessuna lo merita. E nessun bambino dovrebbe vedere ciò che ho visto io. Il senso di impotenza che ho provato, l'angoscia, la paura di non poterti salvare. Ma ero poco più  che un bimbo. I tuoi sorrisi, la tua dolcezza, la tua allegria.
 Quell'uomo ci ha portato via tutto. Lui. Un estraneo, perché  questo era ciò che era. Dal libro "Là dove inizia l'orizzonte" di Carmine Ammirati figlio di vittima di femminicidio.
È  doveroso soffermarsi a riflettere sul vissuto di bambini vittime passivi e silenti di delitti efferati che portano ad affrontare percorsi difficili e tortuosi. 
Si isolano, hanno incubi, si colpevolezzano, sono privati d'amore e lasciati in balia di tribunali, servizi sociali, famiglie affidatarie o adottive. 
Non tutti riescono a ricostruire una " base sicura" su cui fondare un’adeguata  forza psichica.
Lo scrittore Carmine ci è  riuscito: ha scelto di continuare a vivere nell'esempio di quell' amore che la madre gli ha impresso nel cuore e nella mente quando era ancora in vita.